Responsive o Adaptive

UX e WEB Design

Il Responsive Design consente ai designer di mostrare i contenuti in base allo spazio disponibile sul browser. Ciò consente la coerenza tra quello che un sito mostra su un desktop e ciò che mostra su un dispositivo mobile. Il design reattivo è l’opzione “tradizionale” e attualmente rimane l’approccio più popolare.

Si basa su alcuni “punti di ancoraggio” relativi alle dimensioni dei vari dispositivi per modificare i comportamenti degli elementi (esempio: se il mio sito ha 4 colonne sul browser di un desktop grande, sul tablet nè avrà 2 e su smartphone una sola).

PRO
  • Uniformità.
  • SEO friendly.
  • Abbastanza semplice da implementare.
CONTRO
  • Gli elementi possono muoversi.
  • Tempi di caricamento più lunghi sul mobile.

L’Adaptive Design, sviluppato nel 2011, è contraddistinto dal fatto che il progettista ha diverse dimensioni di layout fisse (esempio: una per desktop, una per tablet e una per smartphone). Questa metodologia fa si che lo stesso sito avrà url (indirizzi web) differenti a seconda del dispositivo da cui viene aperto.

PRO
  • Consente di creare la migliore UX per il dispositivo.
  • Consente di aggiungere altre dimensioni ad un sito web già esistente, senza modificarlo.
CONTRO
  • Tablet e netbook possono avere problemi con la visualizzazione del sito che tende ad essere orientata allo smartphone e al desktop.
  • Potrebbe essere difficile mantenere la coerenza fra i vari siti, creando confusione nell’esperienza utente.
  • Il SEO tende a penalizzare questo sistema, in quanto lo stesso sito ha più indirizzi.

La scelta tra un design reattivo (responsive) e un design adattivo (adaptive) richiede un’attenta considerazione.

Normalmente è prudente rimanere su un design reattivo, principalmente per motivi di convenienza (risparmio dei costi, miglioramento della SEO e esperienza senza interruzioni tra i dispositivi), ma bisogna sempre valutare il singolo caso.

About Cristina

Svolgo la mia principale ricerca, artistica e lavorativa, nell’ambito del rapporto fra costrutti analogici e digitali e del loro impatto sull’essere umano, puntando sul carattere monumentale degli oggetti reali e virtuali. Lavoro all'interno del collettivo Ctrl Z come Visual Designer specializzata in nuove tecnologie.

Entries by Cristina